• Home
  • /
  • News
  • /
  • Al cinema, Nato a Casal di Principe

Al cinema, Nato a Casal di Principe

Nato a Casal di Principe

District: Lazio
Province: Roma (RM)
Locations: Roma (RM)
Date: 2018-04-25

Al cinema, Nato a Casal di Principe

Nato a Casal di Principe, un film di Bruno Oliviero.

Con Alessio Lapice, Massimiliano Gallo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo, Paolo Marco Caterino, Luigi Credendino, Francesco Pellegrino.

Poi ancora: Antonio Pennarella, Liliana Fiorelli, Antonella Stefanucci, Riccardo Veno, Loredana Simioli e  Antonello Cossia.

Un film drammatico che uscirà nelle sale mercoledì 25 aprile 2018.
Nato-a-Casal-di-Principe

Nato a Casal di Principe, da un'autobiografia

Sulla base del romanzo autobiografico scritto da Amedeo Letizia (qui produttore esecutivo) con Paola Zanuttini, Bruno Oliviero racconta il lato B di Gomorra.

Si tratta cioè di raccontare il tutto dalla parte delle vittime.

Tante le scene in cui il protagonista osserva di nascosto le efferatezze del clan dei casalesi nascosto dietro a muri e cespugli, cioè dietro le quinte dell'azione spettacolare.

Nato a Casal di Principe narra la storia di una comunità in ostaggio permanente, a sua volta rapita dalla normalità.

Una comunità relegata ad una finzione che forma i suoi giovani a "fare le facce" (come Amedeo davanti alle telecamere dei provini con cui si apre il film) per nascondere il proprio malessere.

Nato a Casal di Principe, sinossi

Senza titolo-1

Roma, 1989. Amedeo Letizia sta intraprendendo la sua carriera di attore, quando dalla nativa Casal di Principe lo raggiunge la notizia che suo fratello Paolo è stato rapito.

Amedeo, non si rassegna a non sapere esattamente che fine abbia fatto suo fratello.

 Una ricerca che è un esercizio in frustrazione sia per lui che per lo spettatore, poiché si scontra continuamente contro il muro di gomma dell'omertà e dei depistaggi.

La dimensione di incubo della storia di Letizia.

Il ritratto di una umanità dolente che, comprende una madre (Donatella Finocchiaro) timorata di Dio ma pronta a chiedere aiuto alla santona locale e un padre (Massimiliano Gallo) abituato a portare fin troppa "pacienza".

Protagonista assoluta resta però Casal di Principe, un luogo dove "l'aria non è bbona" perché gravata da quella nube tossica in cui le infiltrazioni mafiose risultano letali.

Soprattutto per chi vive lì da generazioni e ha visto il proprio paese trasformarsi in un Far West senza regole, se non quelle della sopraffazione sistematica e della corrispettiva sottomissione silenziosa.

Amedeo cerca di affrancarsi dal suo vissuto creando un'esistenza parallela "al nord", ma viene riassorbito dalla cultura della violenza nella quale è cresciuto ...

... Perché se sei nato a Casal di Principe hai ben poche possibilità di dimenticartelo per sempre!!!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.