• Home
  • /
  • News
  • /
  • Di padre in figlia: l’emancipazione delle donne in una storia ambientata a Bassano del Grappa

Di padre in figlia: l’emancipazione delle donne in una storia ambientata a Bassano del Grappa

Di padre in figlia

District: Veneto
Province: Padova (PD), Treviso (TV), Vicenza (VI)
Locations:
Date: 2017-04-19

Di padre in figlia: l’emancipazione delle donne in una storia ambientata a Bassano del Grappa

Di padre in figlia

Ieri sera in TV la prima puntata di Di padre in figlia. La fiction di Rai 1 diretta da Riccardo Milani, tratta da un soggetto di Cristina Comencini e sceneggiata da Giulia Calenda e Francesca Marciano.

La storia

Di padre in figlia

La fiction racconta la storia della famiglia Franza dal 1958 ai primi anni Ottanta.

I Franza sono una famiglia veneta di contadini e poi di produttori di grappa guidati dal padre padrone Giovanni. L’uomo, prepotente e intrattabile, è interpretato da Alessio Boni.

Al fianco di Giovanni vi è Franca, la donna che ha sposato giovanissima e non per amore, interpretata dall'attrice Stefania Rocca. Gli altri componenti della famiglia Franza sono i figli Maria Teresa, la figlia ribelle interpretata da Cristiana Capotondi, Elena e i due gemelli Antonio e Sofia.

Questa famiglia patriarcale veneta attraversa i grandi cambiamenti di costume di quegli anni. Scorrono nel racconto i grandi eventi della storia delle donne: la chiusura delle case chiuse, il divorzio, il femminismo, visti all’interno dei conflitti e dei rapporti familiari.

Attraverso questa storia, viene ricostruito il lungo processo che ha portato le donne a lottare per guadagnarsi parità e diritti civili.

Le tre sorelle, l’unico figlio maschio, la moglie si ribellano in modi diversi all’autorità assoluta del padre e del marito. Si allontanano dall’antico nucleo che li teneva insieme e che sembra andare in pezzi, per poi tornarci e cercare di ricostruirlo in un modo nuovo, più fragile ma più vero.

Cast

Di padre in figlia

Alessio Boni, Cristiana Capotondi, Alessandro Roja, Domenico Diele, Matilde Gioli, Stefania Rocca, Francesca Cavallin.

Location

La fiction è ambientata a Bassano del Grappa nel Vicentino. Una scelta non casuale.

Come racconta Cristina Comencini “Qualche anno fa capitai a Bassano del Grappa per la presentazione di un mio romanzo. Passeggiando per questa cittadina meravigliosa, mi è venuta l’idea di una serie sulla fine del patriarcato in Italia. ………. mi sembrava molto interessante ambientare la storia della famiglia Franza in Veneto, una delle regioni più povere d’Italia nel dopoguerra, diventata una delle più fiorenti economicamente”.

Le scene son state girate, oltre che a Bassano, a Marostica, Costabissara, Schiavon, Montegalda, Breganze e Fara Vicentino, sempre in provincia di Vicenza; Paderno del Grappa e Crespano del Grappa in provincia di Treviso e a Padova.

Il regista Riccardo Milani sottolinea come raramente, nella realizzazione di un film, si realizzi un impatto così positivo con la città.

D’altro canto il coinvolgimento della città è stato davvero corale. Sono stati coinvolti 25 negozi, 850 comparse, 9 bambini protagonisti, falegnami, sarte, tecnici, parrucchieri e anche le quattro maggiori distillerie del territorio, Poli, Nardini, Brunello e Schiavo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *