• Home
  • /
  • News
  • /
  • Xolo, la storia di Giuseppe Valentino nel Sud Italia

Xolo, la storia di Giuseppe Valentino nel Sud Italia

Xolo

District: Puglia
Province: Foggia (FG)
Locations: Manfredonia (FG)
Date: 2018-04-27

Xolo, la storia di Giuseppe Valentino nel Sud Italia

Xolo, la storia raccontata nel film proviene da un fatto di cronaca realmente accaduto.  

Prima di approdare al Bif&st 2018, Xolo ha già fatto tanta strada.

Xolo-film-400x400

Presentato al Santiago del Estero Film Festival, al WIIF Film Festival in Lituania e al Black Star Film Festival di Accra in Ghana,.

Si tratta del primo lungometraggio del regista pugliese Giuseppe Valentino, che arriva in Puglia, terra da cui il film  nasce.

Una mescolanza tra western moderno ed un on the road movie, a detta dello stesso regista.

 Xolo è al primo sguardo un progetto decisamente particolare e per certi versi unico nel campo cinematografico.

Xolo, sinossi

31301818_2046018142387598_7198152462660796416_n

Sud Italia. Rosa è una donna con un passato travagliato che vive in una roulotte in aperta campagna.


Tutta la sua vita, tutto ciò che possiede lo deve al ricco Gino.

L'uomo è un ricco proprietario terriero che possiede una stazione di servizio dove lavora la donna.

Nathaniel è un giovane anche lui al servizio di Gino, viene dai Paesi Baschi e sbarca il lunario facendo lavoretti in giro per l’Italia.

Quando Rosa e Nathaniel si incontreranno, tra i due nascerà un legame vivo e profondo e per Rosa il giovane rappresenta quella spinta che aspettava da sempre verso una vita finalmente libera.

I due decidono di scappare dopo aver derubato Gino di Xolo, un cane da combattimento che vale tanti soldi e che pare abbia ucciso un uomo.

Oltre la storia

In una mescolanza di generi e toni cinematografici, Xolo racconta anzitutto il viaggio interiore di una donna.

Si tratta di una donna che in realtà, non ha mai vissuto per davvero.

Rosa e Nathaniel, interpretati rispettivamente da Angela Neiman e Baptiste Eliçagaray, sono accompagnati da Xolo, il cane rubato a Gino.

L’animale, che dà il titolo al lungometraggio, quasi personaggio complementare in tutta la vicenda, resta costantemente in disparte per poi mostrare un significato ultimo.

Un significato, che costruisce un nuovo livello di lettura, sempre legato alla figura di Rosa la cui vera libertà è sempre più difficile da raggiungere.

Il film si presta quindi a diverse interpretazioni e letture e tra parvenze di western e fughe appassionate si chiude nel finale nuovamente su Rosa, figura chiave di Xolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.