• Home
  • /
  • News
  • /
  • A Vicenza, il nuovo film, Le Guerre Horrende

A Vicenza, il nuovo film, Le Guerre Horrende

Le Guerre Horrende

District: Veneto
Province: Vicenza (VI)
Locations: Caltrano (VI), Calvene (VI), Vicenza (VI)
Date: 2018-04-16

A Vicenza, il nuovo film, Le Guerre Horrende

Le Guerre Horrende, è il nuovo film per la regia di Giulia Brazzale, Luca Immesi.

Un film con Cosimo Cinieri, Désirée Giorgetti, Dario Leone, Livio Pacella, Milton Welsh.

Uscirà al cinema lunedì 16 aprile 2018, distribuito da Moovioole. 

locandina

L'orrore di tutte le guerre, Le Guerre Horrende

29387153_2081796608729725_3411257674401054720_n

In un indefinito bosco,  avviene l'incontro fra tre singolari personaggi.

Il primo è il Capitano, malinconico "scemo di guerra" reduce dal primo conflitto mondiale.

Si tratta di un artista girovago, esaltato e sognante, ormai ridotto a raccontare le sue storie alle creature del bosco, è aiutato dal suo giovane e strambo Scudiero.

le-guerre-horrende4360851_6093960434358005583_n

I due vivono una bizzarra quotidianità fino all'irrompere di un Soldato ferito, vittima di una totale amnesia.

I rapporti si fanno subito intensi: antipatia tra il primo e il nuovo arrivato, sintonia fra il soldato e lo scudiero.

La situazione si carica di tensione emotiva fino all'ineluttabile epilogo, tra sconvolgenti rivelazioni e conseguenti colpi di scena.

1475757447321

Le Guerre Horrende ... da un testo teatrale

Liberamente tratto dal'omonimo testo teatrale di Pino Costalunga, Le guerre horrende è una commedia fantastica, scritta da Livio Pacella e diretta da Luca Immesi e Giulia Brazzale.

"Horrendo" infatti viene usato nell'accezione adottata da Machiavelli per definire le grandi guerre d'Italia.

Guerre intese non solo come orribili, ma anche grandiose, imponenti.

Gli orrori della guerra, però, vengono raramente mostrati lasciando spazio piuttosto agli orribili effetti della guerra sui reduci, che tra amnesie e strazianti ricordi, non possono che sopravvivere dopo tanto dolore.

 L'ispirazione teatrale guida, dunque, l'intera messa in scena che inizia con la leggerezza di una fiaba onirica e surreale virando gradualmente verso il dramma della guerra, cruda e realista.

Il grottesco è la cifra di una visione che solamente si spiega nel paradosso. In un imprecisato bosco senza confini né vie d'uscita si ritrovano i tre personaggi, prigionieri della loro memoria, condannati all'oblio.

 Nella selva oscura che diventa un claustrofobico purgatorio, l'unica fuga concessa è quella nel ricordo, l'unico racconto ancora possibile è quello della guerra da rimettere in scena giorno dopo giorno per non dimenticare.
 
Nel labirinto della memoria, il Capitano, lo Scudiero e il Soldato si scambiano le maschere in questa rappresentazione a tratti circense e giullaresca in cui gli attori diventano spettatori e viceversa.
 
Nello spettacolo di un passato che solo in bianco e nero si può ricordare, i tre personaggi si riscoprono sognati da altri sognatori in un personale teatro dell'orrore che ciascuno porta dentro di sé.
 
Luca Immesi e Giulia Brazzale indagano, dunque, in una surreale visione, l'idea che le guerre e la violenza siano solo il frutto del personale conflitto che giace irrisolto nel microcosmo che è in ognuno di noi.
 
Un film che può essere definito un raro esperimento di realismo magico.
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *